Flash mob: basta alle morti silenziose nel mediterraneo

Il Comitato “Torino mano nella mano contro il razzismo” ti invita a partecipare il 20 marzo 2015 al FLASH MOB per dire “Basta alle Morti Silenziose nel Mediterraneo”. Vogliamo far conoscere e far capire che la legislazione per l’accoglienza dei profughi è inumana e restrittiva, perché gli Stati dell’Unione Europea preferiscono proteggere le frontiere piuttosto che le migliaia di profughi, accettando di assistere senza intervenire alla trasformazione del Mediterraneo in un enorme cimitero; migliaia di esseri umani che fuggono dalla guerra nella loro disperazione di raggiungere l’Europa, rischiano e troppo spesso perdono la loro vita: mai nessuno saprà chi erano, mai potremo avere una loro fotografia, mai e poi mai un cadavere da seppellire e piangere.

flash-mobL’UNHCR (l’Alto commissariato ONU per i rifugiati) stima che dal 2000 al 2013 siano morte in mare 23000 persone. Questi numeri emergono da un confronto tra varie fonti per la prima volta riunite in un unico database.  Oltre 3400 persone sono annegate o disperse nel 2014. Dall’inizio dell’anno a oggi si contano altri 470 cadaveri. Ogni singolo giorno questo conteggio macabro nel Mediterraneo continua, ormai è un bollettino di guerra.
Su questo la Commissione europea ha dichiarato, nel corso di una conferenza stampa a Bruxelles il 4 marzo, che l’UE ha bisogno di un “senso di urgenza” collettivo riguardo alla sua risposta alla migrazione verso l’Europa. Una nuova agenda europea sulla migrazione sarà lanciata a metà maggio, questo includerà l’aumento di rotte migratorie verso l’Europa sicure e legali. Ma non si prevede di aprire la strada a una missione di ricerca e soccorso coordinata per rispondere al crescente numero di morti in mare.
Viene in mente un brano della canzone “La pizzica dello scafista”: “Questa è la pizzica dell’Europa Unita che è fatta di banche, che ignora la vita, deruba l’Africa poi se ne frega e mentre si volta l’Africa annega”.
Diamoci appuntamento CON UN LENZUOLO BIANCO E UNA BARCHETTA DI CARTA O UN FIORE, venerdì 20 marzo, alle 16, in Piazza Castello (simbolo del salotto di Torino) e alle 17 nella Stazione Porta Nuova (simbolo della migrazione a Torino da sempre): siete pregati di partecipare a tutte due i flash mob.
Lo svolgimento del flash mob è semplice: alle 16, in Piazza Castello, una musica, quasi una preghiera, darà l’inizio. Allora piano piano ci sdraieremo per terra e ci copriremo con il lenzuolo bianco uno a fianco all’altro, mettendo la barchetta di carta/fiore sopra di noi, finché la musica non terminerà. Nella stessa forma, ma alle ore 17.00, si svolgerà il flash mob nella stazione Porta Nuova.

Clicca qui per vedere o scaricare il volantino in PDF

 

Comitato Torino MAno nella mano contro il razzismo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...